All new customers qualify for a 100% bonus abonuscode.co.uk £200 Initial Deposit Bonus on bet365 plus £50 Mobile Promo

Alberto Medda Costella

//Alberto Medda Costella
­

Nato ad Oristano nel 1984, da babbo sardo e madre arborense – dei Costella veneti trevigiani (originari di Gorgo al Monticano/Mansuè) trapiantati in Sardegna nella metà degli anni ’30.
E’ laureato in storia con indirizzo contemporaneo. I suoi studi si sono divisi tra Trieste e Cagliari. Nell’università della città giuliana ha discusso una tesi sperimentale sulla colonizzazione di Arborea, mentre nell’ateneo del capoluogo sardo ha presentato un’altra tesi sperimentale sulle rivendicazioni delle terre portate avanti dai mezzadri veneti di Arborea nel secondo dopoguerra, fino al loro pieno coinvolgimento nell’attuazione della riforma agraria.
Lo studio, il giornalismo, lo sport e la politica sono le sue passioni. Collabora assiduamente a diversi giornali ed a svariati siti internet su materie legate alle questioni identitarie nonché alla complessa realtà socio-economica della sua Isola ed in specie dell’Oristanese, fra turismo, agricoltura e manifatturiero. Ha pure partecipato a libri collettanei aventi ad oggetto la Sardegna contemporanea e i profili di alcuni dei suoi uomini d’eccellenza.
Appassionato di storia dell’arte ed in specie del romanico, che vanta molteplici presenze nelle diverse aree dell’isola, è membro dell’associazione “Amici del romanico” e guida di gruppi di visitatori interessati ai manufatti dell’architettura medievale sarda.
È altresì fortemente impegnato in attività di ricerca e convegnistica sempre teso a individuare o riscoprire nella storia passata i germi del presente sociale isolano, così nella cultura come nell’economia.
Arborea rimane comunque il centro dei suoi interessi, e per questo si è fatto promotore di innumerevoli iniziative di socializzazione del patrimonio culturale della popolazione, studiando l’originalità assoluta dell’ormai quasi centenario innesto veneto-sardo nel territorio.
Come consigliere comunale delegato alla promozione del patrimonio materiale e immateriale di Arborea ha avviato, anche con altri amici da lui mobilitati, il censimento – attraverso registrazioni e interviste o raccolte documentarie – delle presenze di cultura e professionalità veneta nella Sardegna centrale. Di recente insieme al gruppo della “Veneti nel Mondo – Sardegna”, di cui è presidente, ha rilanciato d’intesa con il parroco locale e la comunità insediata nella borgata detta Centro 1 la festa di San Marco, annunciando una prossima ricerca sulle millenarie e diffuse devozioni marciane in Sardegna.

Arborea, 27 maggio 2017: “Cuori nel Pozzo” di Roberta Sorgato

Anche quest'anno, in occasione del tradizionale appuntamento della sezione dei "Trevisani nel mondo" di Arborea, sarà organizzato un incontro che avrà per tema l'emigrazione veneta. L'anno passato si era affrontato il periodo degli anni '20 e '30 in relazione ai comprensori di bonifica della Toscana, del Lazio e della Sardegna, stavolta si analizzerà il tema [...]

Arborea: l’evangelista San Marco ci protegga sempre

"Pax tibi, Marce, evangelista meus". Questa la frase che si legge nel vangelo aperto tenuto dal leone alato, simbolo di San Marco, patrono di Venezia e del popolo veneto. Al Centro 1 di Arborea vi è una chiesetta intitolata al Santo evangelista, presumibilmente coeva alla edificazione della borgata, quando nel 1939 iniziarono i lavori per [...]